Vicenza, città Unesco:

i 23 siti del centro storico

I Beni Unesco in Italia

Spesso si sente dire che l’Italia detiene oltre il 50% di monumenti Unesco sul proprio territorio nazionale.

Mi è capitato molte volte, andando a zonzo per le città italiane, di leggere la scritta “Patrimonio Unesco”, ma finora mi è sempre mancata un’idea generale che mi aiuti a distribuire nella penisola i Beni Patrimonio dell’Umanità.

La pandemia da COVID-19 ha modificato molte delle nostre abitudini, ma prima o poi torneremo a viaggiare e questo articolo potrebbe essere uno spunto per pianificare un itinerario nel Bel Paese.

Che ne dite?

Ecco quindi una lista che segue l’ordine cronologico di iscrizione alla Lista Patrimonio Unesco:

n.

Località

Descrizione del sito

Anno

1

Valle Camonica

L’arte Rupestre

1979

2

Milano

Il “Cenacolo” di Leonardo da Vinci

1980

3

Roma

La città storica

(1980-90)

4

Firenze

Il centro storico

1982

5

Pisa

La piazza del Duomo

1987

6

Venezia

La città e la sua laguna

1987

7

San Gimignano

Il centro storico

1990

8

Matera

I Sassi

1993

9

Vicenza

La città e le ville di Palladio

1994-96

10

Napoli

Il centro storico

1995

11

Crespi d’Adda

L’insediamento industriale

1995

12

Siena

Il centro storico

1995

13

Ferrara

La città e il suo Delta del Po

1995-99

14

Pienza

Il centro storico

1996

15

Castel Del Monte

Il Castello

1996

16

Ravenna

I monumenti Paleocristiani

1996

17

Alberobello

I Trulli

1996

18

Piemonte

Le residenze di Casa Savoia

1997

19

Padova

L’Orto Botanico

1997

20

Porto Venere

Le cinque terre e le isole di Palmaria, Tino e Tinetto

1997

21

Agrigento

L’area archeologica

1997

22

Modena

La Cattedrale, la Torre Civica e Piazza Grande

1997

23

Amalfi

La Costiera Amalfitana

1997

24

Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Le aree archeologiche

1997

25

Barumini

Il villaggio nuragico “Su Nuraxi”

1997

26

Piazza Armerina

La villa Romana del Casale

1997

27

Caserta

La Reggia, il Parco, San Leucio e l’acquedotto Vanvitelliano

1997

28

Cilento

Il Parco Nazionale e il Vallo di Diano, Paestum, Velia e la Certosa Padula

1998

29

Urbino

Il Centro Storico

1998

30

Aquileia

L’Area Archeologica e la Basilica Patriarcale

1998

31

Tivoli

Villa Adriana

1999

32

Isole Eolie

Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Filicudi, Alicudi e Panarea

2000

33

Verona

La città

2000

34

Assisi

La Basilica di S. Francesco e altri siti francescani

2000

35

Tivoli

Villa d’Este

2001

36

Val di Noto

Le città Tardo barocche

2002

37

Piemonte e Lombardia

Sacri Monti

2003

38

Val d’Orcia

La Valle

2004

39

Cerveteri e Tarquinia

Le necropoli etrusche

2004

40

Siracusa

La città e le necropoli rupestri di Pantalica

2005

41

Genova

Le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli

2006

42

La Ferrovia Retica

Paesaggi di Albula e Bernina

2008

43

Mantova

La città e Sabbioneta

2008

44

Dolomiti

Dolomiti

2009

45

Monte S. Giorgio

Monte S. Giorgio

2010

46

Arco Alpino

Siti Palafitticoli preistorici

2011

47

Italia

I Longobardi in Italia. I Luoghi del potere (568-774 d.C.)

2011

48

Toscana

Ville e Giardini Medicei

2013

49

Sicilia

Il Monte Etna

2013

50

Piemonte

I paesaggi vitivinicoli: Langhe, Roero e Monferrato

2014

51

Palermo

Area arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

2015

52

Venezia

Opere di difesa veneziane tra XVI e XVII secolo: Stato da Terra- Stato da Mar occidentale

2017

53

Carpazi

Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi

2017

Per comodità, allego anche una mappa che ci aiuta a visualizzare i vari siti sul territorio nazionale.

Vicenza e i 23 siti Unesco del centro storico

Palazzo Chiericati, Vicenza
Palazzo Chiericati, Vicenza

Come avrete notato, in questa classifica Vicenza si piazza  ai primi posti, preceduta solo da Venezia tra le città venete.

Infatti, la prima nomina risale al dicembre 1994 quando, durante la riunione del Comitato per il Patrimonio Mondiale Unesco tenutasi a Pukhet (Thailandia), la città di Vicenza fu inserita nella prestigiosa lista con ben 23 monumenti palladiani.

Quali sono? Eccoli qui:

  1. Palazzo Barbaran da Porto;

  2. Palazzo Poiana;

  3. Palazzo Civena;

  4. Palazzo Thiene;

  5. Palazzo Iseppo Porto Festa;

  6. Logge della Basilica Palladiana;

  7. Loggia del Capitanio;

  8. Palazzo Valmarana;

  9. Palazzo Thiene Bonin Longare;

  10. Palazzo Porto Breganze;

  11. Palazzo Chiericati;

  12. Teatro Olimpico;

  13. Arco delle Scalette;

  14. Palazzo da Monte

  15. Palazzo da Schio;

  16. Casa Cogollo;

  17. Chiesa di S. Maria Nova;

  18. Loggia Valmarana;

  19. Palazzo Garzadori;

  20. Cupola della Cattedrale;

  21. Portale nord della Cattedrale;

  22. Palazzo Capra;

  23. Cappella Valmarana.

Basilica palladiana, Vicenza
Basilica palladiana, Vicenza

Oltre a questi monumenti, nella stessa sessione del 1994 furono incluse nella Lista Unesco anche tre ville suburbane:

  1. Villa Capra- Valmarana detta “La Rotonda”;

  2. Villa Trissino a Cricoli;

  3. Villa Gazzotti a Bertesina.

Il numero di siti è veramente impressionante, considerate le ridotte dimensioni del nostro centro storico.

Nel 1996, dopo due anni, il Comitato Unesco si riunì a Merida (Messico) ed integrò la lista inserendo altre 21 ville (quindi 24 in tutto) distribuite in tutto il Veneto.

Volete conoscere l’elenco completo delle ville palladiane? Nessun problema, ho trattato l’argomento in un altro articolo: qui trovi il link

Perché Vicenza è città Unesco?

villa La Rotonda, Vicenza
villa La Rotonda, Vicenza

Dopo l’integrazione del 1996, il sito è stato identificato con una nuova dicitura: La Città di Vicenza e le Ville del Palladio nel Veneto.

Ma con quali criteri è stata assegnata la nomina?

Riporto qui di seguito la motivazione che ha spinto il Comitato ad iscrivere Vicenza nella Lista Unesco:

Vicenza rappresenta un’opera artistica unica riferita ai numerosi contributi architettonici di Andrea Palladio, che sono integrati all’interno del suo tessuto storico e creano il suo carattere generale.

Disseminate nel Veneto, le ville palladiane sono il frutto del genio architettonico di questo maestro del Rinascimento. Le numerose varianti del modello di villa sono la prova della costante sperimentazione tipologica del Palladio, effettuata mediante la rielaborazione di modelli dell’architettura classica.

Le opere del Palladio nella città di Vicenza e nel Veneto, ispirate all’architettura classica e caratterizzate da un’impareggiabile purezza formale, hanno esercitato un’eccezionale influenza sulla progettazione architettonica e urbana nella maggior parte dei paesi europei e in tutto il mondo, dando luogo al Palladianesimo, un movimento che prende il nome dal geniale architetto veneto”

Panorama da Monte Berico, Vicenza
Panorama da Monte Berico, Vicenza

Beh… non so voi, ma io dopo questa dichiarazione mi sento sempre più onorata di vivere a Vicenza.

Volete vedere Vicenza dall’alto? Vi lascio il link a questo video che fa una panoramica anche sulla nostra provincia: Vicenza e-motion

Mi sembra di avervi dato un po’ di spunti per le prossime vacanze.

Io consiglio sempre di riscoprire l’Italia ma anche, perché no, la nostra bella Vicenza.

Volete un itinerario particolare in città? Cercate un modo insolito e divertente per trascorrere una sera estiva?

Lasciatemi un commento qui sotto e vedrò di consigliarvi al meglio!

2 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu